Buon Mese di Maggio con Maria

“Tutte le generazioni mi chiameranno beata”. Noi possiamo lodare Maria, venerare Maria, perché è “beata”, è beata per sempre.

Beata è perché unita a Dio, vive con Dio e in Dio. Il Signore, nella vigilia della sua Passione, congedandosi dai suoi, ha detto: “Io vado a prepararvi, nella grande casa del Padre, una dimora. E ci sono molte dimore nella casa del Padre”. Maria dicendo: “Sono la tua serva, sia fatta la tua volontà” ha preparato qui in terra la dimora per Dio; con corpo e anima ne è divenuta la dimora e così ha aperto la terra al cielo.

In Maria realmente abita Dio, diventa presente qui in terra. Maria diventa la sua tenda. Quello che desiderano tutte le culture – che cioè Dio abiti tra di noi – si realizza qui. Sant’Agostino dice: “Prima di concepire il Signore nel corpo, lo aveva già concepito nell’anima”. Aveva dato al Signore lo spazio della sua anima e così è divenuta realmente il vero Tempio dove Dio si è incarnato, è divenuto presente su questa terra.

Maria è “beata” perché è divenuta – totalmente, con corpo e anima e per sempre – la dimora del Signore. Se questo è vero, Maria non solamente, non semplicemente ci invita all’ammirazione, alla venerazione, ma ci guida, mostra la strada della vita a noi, ci mostra come noi possiamo divenire beati, trovare la strada della felicità.

Dall’Omelia di Benedetto XVI° nella solennità dell’Assunzione della B. V. Maria, Parrocchia Pontificia di San Tommaso da Villanova, Castel Gandolfo, martedì, 15 agosto 2006: