«Come può nascere un uomo quando è vecchio?» (Gv 3,4)

Mercoledì 30 aprile 2014

 

Vi era tra i farisei un uomo di nome Nicodèmo, uno dei capi dei Giudei. Costui andò dal Signore Gesù, di notte, e gli disse: «Rabbì, sappiamo che sei venuto da Dio come maestro; nessuno infatti può compiere questi segni che tu compi, se Dio non è con lui». Gli rispose Gesù: «In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce dall’alto, non può vedere il regno di Dio». Gli disse Nicodèmo:

 

«Come può nascere un uomo quando è vecchio?»

Può forse entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e rinascere?». Rispose Gesù: «In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce da acqua e Spirito, non può entrare nel regno di Dio. Quello che è nato dalla carne è carne, e quello che è nato dallo Spirito è spirito. Non meravigliarti se ti ho detto: dovete nascere dall’alto».

(Giovanni 3,4)

Nicodemo dà voce ad una considerazione molto umana, tipica di chi vede passare gli anni. Si constata infatti che è sempre più difficile cambiare, modificare i propri atteggiamenti sbagliati, adattarsi al nuovo.

Ma la rinascita che Gesù offre non è opera nostra. È un lasciarsi plasmare. Accogliere nuovi orizzonti perdendo i propri schemi. Consegnarsi all’opera dello Spirito. Concretamente, è vivere, mettere in pratica la Parola di Gesù.

 

Buona giornata !

don Carlo