«Dateci un po’ del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono» (Mt 25,8)

Venerdì 8 gennaio 2016

 

Il Signore Gesù disse: «Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi. Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono. A mezzanotte si alzò un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”. Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. Le stolte dissero alle sagge:

 

«Dateci un po’ del vostro olio,

perché le nostre lampade si spengono»

 

Le sagge risposero: “No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene”. Ora, mentre quelle andavano a comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: “Signore, signore, aprici!”. Ma egli rispose: “In verità io vi dico: non vi conosco”. Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora».   (Matteo 25,8)

 

Per poter godere della presenza del Signore occorre un cuore innamorato e l’Amore va alimentato perché resti vivo.

Quando si ama il pensiero va sempre all’oggetto del nostro amore, si trovano mille occasioni per dimostrarlo ed essere presenti alla persona amata.

Anche con Dio è la stessa cosa, non si può pensare di essere arrivati una volta per tutte.

Occorre trovare momenti per pensare al nostro rapporto con Lui, per parlarGli.

Certo con il passare degli anni il rapporto sarà diverso, come in un matrimonio in cui il passar del tempo dà più tenerezza e meno impulsività.

Ma per essere vero non sarà mai qualcosa di scontato, sarà comunque una sorpresa continua che custodiremo nel nostro cuore come Maria.

 

Buona giornata!

don Carlo