«Distraiti e consola il tuo cuore, tieni lontana la profonda tristezza» (Siracide 30,23)

Giovedì 9 febbraio 2017

 

Non darti in balìa della tristezza / e non tormentarti con i tuoi pensieri. / La gioia del cuore è la vita dell’uomo, / l’allegria dell’uomo è lunga vita.

«Distraiti e consola il tuo cuore,

tieni lontana la profonda tristezza»

perché la tristezza ha rovinato molti / e in essa non c’è alcun vantaggio. / Gelosia e ira accorciano i giorni, / le preoccupazioni anticipano la vecchiaia. / Un cuore limpido e sereno si accontenta dei cibi / e gusta tutto quello che mangia.      (Siracide 30,23)

 

E’ un brano che invita alla gioia, ricorda le parole di san Paolo: «State sempre lieti» (1 Tessalonicesi 5,16).

Ci sono momenti nella vita in cui sembra impossibile essere allegri.

Eppure anche quando il cuore piange, se sentiamo la presenza del Signore, portiamo in noi la gioia.

E’ quella che ci aiuta ad andare avanti, è la Speranza fiduciosa che le cose cambieranno anche contro l’evidenza.

Chi ci guarda deve vedere questa luce nei nostri occhi sempre, anche nei momenti più bui, perché aiuta anche gli altri nel loro cammino.

 

Buona giornata!

don Carlo