“E’ molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare” (Mc9,42)

Venerdì 21 febbraio 2014

Il Signore Gesù disse: «Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me,

 

«È molto meglio per lui

che gli venga messa al collo una macina da mulino

e sia gettato nel mare»

Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna. E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue. Ognuno infatti sarà salato con il fuoco. Buona cosa è il sale; ma se il sale diventa insipido, con che cosa gli darete sapore? Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri».

(Marco 9,42)

Le parole di Gesù sono fortissime per chi crea scandalo. Perché lo scandalo è un inciampo, uno sgambetto che fa cadere a tradimento il discepolo che cammina verso Dio. Ed oltre ad arrestare il cammino lo scandalo getta un’ombra sulla fiducia, fa sorgere dubbi profondi, ferisce nel cuore.

Per questo occorre essere pronti a tagliare tutto, con una radicalità che non sarà mai eccessiva, per amore dei fratelli, pur di custodire il loro itinerario di fede.

 

Buona giornata!

don Carlo