«Hanno fatto di lui quello che hanno voluto» (Mt 17,12)

Venerdì 5 dicembre 2014

 

I discepoli domandarono al Signore Gesù: «Perché dunque gli scribi dicono che prima deve venire Elia?». Ed egli rispose: «Sì, verrà Elia e ristabilirà ogni cosa. Ma io vi dico: Elia è già venuto e non l’hanno riconosciuto; anzi,

 

«Hanno fatto di lui quello che hanno voluto»

 

Così anche il Figlio dell’uomo dovrà soffrire per opera loro». Allora i discepoli compresero che egli parlava loro di Giovanni il Battista.   (Matteo 17,12)

 

Il profeta, il santo viene per cambiare i nostri cuori: per questo Dio lo invia in mezzo a noi. Ma la nostra reazione più frequente è adattarlo a noi, inserirlo nei nostri schemi, lasciarlo entrare e parlare ma non fino  a lasciarci scomodare, o a cambiare abitudini. Come dice Gesù, ne facciamo quello che vogliamo.

È un vero “peccato”, in tutti i sensi: potrebbe regalarci la gioia vera e noi lo leghiamo e imbavagliamo.

«A quanti però lo hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio» (Giovanni 1,12).

 

Buona giornata!

don Carlo