I Fioretti di San Francesco

Stigmate di san Francesco

Stigmate di san Francesco (Jan van Eyck)

“Com’era bello, splendido, glorioso nella sua innocenza, nella semplicità del parlare, nella purezza del cuore, nell’amore di Dio, nella carità verso i fratelli, nella prontezza, nell’obbedienza, nella gentilezza dei modi, nell’aspetto angelico!”

“Amabile nel tratto, per natura placido, affabile nel parlare, opportuno nell’esortare, fedelissimo nell’adempimento degli uffici a lui affidati, accorto nel consigliare, efficace nell’azione, grazioso in tutto.
Sereno di spirito, dolce di animo, assennato, assorto nella contemplazione, assiduo alla preghiera, sempre pieno di fervore; costante nei propositi, saldo nella virtù, perseverante nella grazia, e sempre uguale a se stesso.”

“…e pieni di semplicità, capelli neri, sopracciglia diritte, naso regolare sottile e diritto, orecchie staccate ma piccole, tempie piane, lingua insinuante ardente e acuta, voce vibrante dolce limpida e sonora, uniti i denti uguali e bianchi, labbra piccole e sottili, barba nera e rada, collo fine, spalle dritte, braccia corte, mani scarne, dita lunghe, unghie snelle, piedi piccoli, pelle delicata.
Scarno, ruvidamentesi mostrava dolce con tutti, uniformandosi saggiamente ai costumi di ognuno.
Più santo tra i santi, e tra i peccatori come uno di essi.”

TOMMASO DA CELANO
(Vita di S. Francesco)

I Fioretti di San Francesco costituiscono una meravigliosa e inimitabile raccolta di “miracoli ed esempli devoti”, propri della vita del Santo d’Assisi. – download

Il documento è reso disponibile esclusivamente per fine di studio, ricerca od edificazione, ma non ne è permesso l’uso per qualsivoglia finalità di lucro.