“Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Mc 13,31)

Venerdì 7 marzo 2014

Il Signore Gesù disse: «Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il Figlio dell’uomo è vicino, è alle porte. In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga.

 

«Il cielo e la terra passeranno,

ma le mie parole non passeranno»

(Marco 13,31)

Vediamo scorrere sotto i nostri occhi immagini a non finire e siamo invasi da fiumi di parole. Come orientarsi nel mare magnum delle opinioni così diverse e spesso opposte ? Dove possiamo poggiare i piedi con certezza, per trovare stabilità e fiducia?

Solo le parole di Gesù non passano. Rimangono un faro luminoso nella tempesta e nella bonaccia, una roccia indistruttibile, eternamente valida mentre tutto il resto passa.

Perché la Parola è Gesù, Dio uomo.

 

Buona giornata!

don Carlo