“Il di più viene dal Maligno” (Mt 5,37)

Martedì 18 marzo 2014

Il Signore Gesù diceva ai suoi discepoli: «Fu pure detto: “Chi ripudia la propria moglie, le dia l’atto del ripudio”. Ma io vi dico: chiunque ripudia la propria moglie, eccetto il caso di unione illegittima, la espone all’adulterio, e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio.

Avete anche inteso che fu detto agli antichi: “Non giurerai il falso, ma adempirai verso il Signore i tuoi giuramenti”. Ma io vi dico: non giurate affatto, né per il cielo, perché è il trono di Dio, né per la terra, perché è lo sgabello dei suoi piedi, né per Gerusalemme, perché è la città del grande Re. Non giurare neppure per la tua testa, perché non hai il potere di rendere bianco o nero un solo capello. Sia invece il vostro parlare: “Sì, sì”, “No, no”;

 

«Il di più viene dal Maligno»

(Matteo 5,37)

Non abbiamo bisogno di mentire, di mascherare la verità con affermazioni fumose e ambigue, di cercare sempre attenuanti che mettono il maquillage alla realtà, camuffandola.

Gesù ci chiede lealtà e trasparenza, sincerità di cuore che avvicina ai fratelli, ci ricorda di mettere in preventivo la fatica della coerenza, accettando che nel mondo ci siano punti di vista diversi, rimanendo comunque fedeli alla nostra vocazione allamore verso tutti.

 

Buona giornata!

don Carlo