«L’amato mio se n’era andato, era scomparso» (Cantico 5,6)

Martedì 10 maggio 2016

 

«L’amato mio se n’era andato, era scomparso»

 

Io venni meno, per la sua scomparsa; / l’ho cercato, ma non l’ho trovato, / l’ho chiamato, ma non mi ha risposto. / Mi hanno incontrata le guardie che fanno la ronda in città; / mi hanno percossa, mi hanno ferita, / mi hanno tolto il mantello / le guardie delle mura. / Io vi scongiuro, figlie di Gerusalemme, / se trovate l’amato mio / che cosa gli racconterete? / Che sono malata d’amore!       (Cantico 5,6)

 

Ci sono dei momenti nella vita in cui il Signore ci sembra lontano o addirittura assente.

Sono momenti di aridità in cui si può vivere solo attaccandosi ancora di più a Lui.

E’ una strada in salita, ma il ricordo di ciò che abbiamo vissuto ci aiuta e siamo pronti a cercarlo ovunque.

In questi momenti la speranza ci sorregge, abbiamo la certezza che comunque Gesù ci ama anche se non riusciamo a percepirlo.

Stiamo attraversando un tunnel di cui non vediamo in fondo la luce, ma sappiamo che c’è.

Alla fine un po’ di luce appare e scopriamo la nostra fede più matura, meno attaccata alle emozioni.

 

Buona giornata!

don Carlo