«Ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite» ( Mt 9,36)

Venerdì 21 novembre 2014

Presentazione della Beata Vergine Maria

 

Il Signore Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità. Vedendo le folle,

 

«Ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite»

 

come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».    (Matteo 9,36)

 

Nel comportamento di Gesù non ci sono mai invettive o minacce verso chi soffre, qualunque sia la sua condizione morale: c’è invece sempre la compassione, ovvero la partecipazione profonda alla situazione di chi è smarrito. 

Ogni volta che entriamo anche noi in questo atteggiamento il nostro cuore di dilata, i giudizi passano in secondo piano, si rivive l’altro, le parole e i comportamenti diventano nuovi, imprevedibili, l’amore evangelico ha in noi il sopravvento e ci ritroviamo uniti ai fratelli nel cuore di Dio.

 

Buona giornata!

don Carlo