“Preparate la via del Signore” (Mc 1,3)

Lunedì 13 gennaio 2014

Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio. / Come sta scritto nel profeta Isaia: / «Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero: / egli preparerà la tua via. / Voce di uno che grida nel deserto: /

 

«Preparate la via del Signore»

raddrizzate i suoi sentieri», / vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

(Marco 1,3)

Questo è un brano tipico dell’Avvento, eppure la liturgia ce lo ripropone, quasi a farci riflettere con più calma in un momento meno affannato di quello che precede il Natale.

Occorre sempre preparare la strada al Signore se vogliamo incontrarLo, non basta una volta all’anno e poi archiviare tutto insieme alle palline dell’albero e alle statuine del presepe.

Perché il Signore possa percorrere la via della nostra vita, occorre rimuovere gli ostacoli che la ingombrano e perciò il lavoro più impegnativo è riconoscerli.

Siamo all’inizio di un nuovo anno, cerchiamo quali atteggiamenti, quali situazioni induriscono il nostro cuore, solo così sarà possibile affrontarli e avviarci verso una nuova libertà.

 

Buona giornata!

don Carlo